Milano può rendere possibile che le cose accadano

Per continuare a crescere Milano deve essere sempre più una città capace di offrire opportunità a chi la sceglie, a chi si assume dei rischi, a chi innova, a chi genera valore, non solo economico ma anche sociale.

Solo in questo modo sarà possibile proseguire quel percorso di crescita che ha trasformato la città in questi ultimi anni.

Ma cosa vuol dire per una città abilitare opportunità? Come cambia il ruolo della Pubblica Amministrazione? In questi giorni mi capita di ripetere spesso che Milano è un cavallo che corre, che ci chiede nutrimento per continuare a correre. Ci credo davvero. La città è piena di risorse ed energie che riescono a produrre risultati straordinari, tanto in campo economico che sociale. Dobbiamo però riuscire a metterle pienamente a frutto. Perché ci sono ancora troppe opportunità che ancora non vengono colte o nemmeno create. Tanti talenti, specialmente giovani e donne, che non hanno l’occasione di esprimersi.

Da soli, contando esclusivamente sulle risorse che il Comune di Milano ha a disposizione, rischiamo di non essere all’altezza delle sfide economiche, ambientali e sociali che abbiamo di fronte. Se invece immaginiamo di non dover essere solo dei fornitori di servizi, ma degli abilitatori di azioni individuali e collettive, allora possiamo sperare di farcela.

In questo scenario la pubblica amministrazione deve essere qualcosa di più di uno sportello dove mettersi in fila. Dobbiamo avere la capacità di definire una direzione di sviluppo; rendere disponibili tutte le informazioni possibili relative alle condizioni di contesto;  definire un quadro di regole il più possibile semplici; facilitare il compito di chi innova; favorire l’assunzione di rischi e una molteplicità di sperimentazioni; imparare a coinvolgere cittadini attivi, università, imprese, associazioni e organizzazioni di volontariato, dipendenti pubblici tanto nella definizione degli obiettivi che nella ideazione ed erogazione di servizi; impegnarsi a favorire la massima apertura e trasparenza di tutti i processi, rendicontato i risultati ottenuti.

Una pubblica amministrazione moderna può e deve essere capace di rendersi utile. Investendo sul protagonismo di chi vive la città; creando le condizioni perché differenti forme di attivazione siano possibili. Per far questo dovremo decidere su quali infrastrutture puntare, su quali competenze è più utile investire, quali servizi potenziare e quali riorganizzare, quali tipologie di finanziamento cercare per generare effetti migliori in termini sociali e ambientali, che tipologia di imprenditoria favorire e così via. E’ sulla qualità delle nostre scelte che ci giochiamo il nostro futuro. E dobbiamo esserne tutti consapevoli.

Giuseppe Sala


Come posso fare a contribuire all’elaborazione del programma?
Iniziamo da qui

Ci sono appuntamenti a cui partecipare oggi? Questa sera alle 18, al Cinema Anteo, Beppe parteciperà ad un confronto pubblico con Pierfrancesco Majorino.